Radio Avana Cuba

Una voce amica che percorre il mondo

  • Español
  • English
  • Português
  • Esperanto
  • العربية
  • Français
  • Italiano
  • Seguici su
  • Radio Habana Cuba en Facebook
  • Radio Habana Cuba en Twitter
  • Radio Habana Cuba en Youtube
  • Canal RSS principal
  • Inviare messaggio

A difesa di Telesur

Da:UPEC

La Presidenza Nazionale dell'Unione dei Giornalisti di Cuba (UPEC) invia un messaggio di solidarietà e rispetto al Canale Multinazionale Telesur a cui, da meno di un anno, ha conferito il Premio alla Dignità, in omaggio al suo collettivo per la professionalità, l'etica, il decoro e la difesa delle cause giuste e della verità, qualità che oggi riconferma.

Telesur. Poche volte il nome di un mezzo di comunicazione ha detto tanto con poche lettere. Mai, prima d'ora, una televisione di portata universale, moderna, efficace, era nata e si era pensata a partire da e per il sud del mondo. Mai, dalla sua fondazione, il 24 luglio del 2005, anniversario della nascita del Liberador, un canale della televisione aveva osato disegnare alla rovescia la cartina dell'America e dichiarare enfaticamente che il nostro Nord è il Sud, per orientare gli spettatori.

Dai tempi della nascita di Prensa Latina, nessun altro media latinoamericano è riuscito ad affermarsi nell'escludente universo delle corporazioni dei medias, con tanto prestigio e tanta alto appoggio popolare come Telesur. Contro la leggendaria agenzia d'informazione come contro la nuova televisione, sono stati orientati, fin dall'inizio, pronti a sparare, i cannoni della guerra mediatica, il blocco della diffusione dei suoi servizi , le campagne per silenziarla, i tentativi di boicottarla fino ad arrivare alle minacce ed alle aggressioni terroristiche.

Ma gli artefici di questo progetto hanno affrontato tutto questo, con sforzo e talento, degni dell'orgoglio di provenire dalle nazioni più diverse. Risuonano nell'aria come fossero uno solo i nostri accenti, dando autenticità e diversità alla voce collettiva. Il sogno di Fidel e di Chávez, la grande televisione del Sud, è stata, è, e sarà volto e voce di tutti coloro che prima sono stati ridotti al silenzio, annientati, emarginati ed esclusi dagli schermi dell'informazione.

Telesur ci ha insegnato chi siamo, some siamo e quanti siamo. In nome della democrazia, della libertà di espressione, del diritto umano ad essere informati secondo verità ed equilibrio, Telesur ci è imprescindibile. Qualsiasi tentativo di silenziarla, di impoverirla, di spegnerla, è un crimine di lesa libertà.

 

Pubblicato da Enrica Matricoti
Commenti
Lascia un commento
Registrazione del numero di Utenti

2790036

  • Massimo: 19729
  • Ieri: 4463
  • Oggi: 2935
  • In Linea: 178
  • Totale: 2790036